Trasporti, i fondi per Roma sono a rischio: “Se non presenta i progetti, li useranno le città del nord”

"I finanziamenti ministeriali di 425 milioni per le metro A e B potrebbero andare persi, e i soldi che non spende Roma li potrebbe spendere una grande citta' del Nord"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Se entro il 31 dicembre 2020 non saranno presentati gli ogv, gli obblighi giuridicamente vincolanti, ovvero i contratti, i finanziamenti ministeriali di 425 milioni per le metro A e B saranno persi, e i soldi che non spende Roma li potrebbe spendere una grande citta’ del Nord”. La ‘doccia fredda’ al Campidoglio arriva da Enrico Sciarra, direttore amministrativo dell’Agenzia Roma servizi per la Mobilita’, in occasione di una riunione della commissione capitolina Mobilita’ convocata stamattina dal presidente Enrico Stefano (M5S), proprio per fare il punto sulla convenzione siglata negli scorsi mesi tra ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Roma Capitale.

“Ho convocato questa riunione- ha spiegato proprio Stefano- per fare il punto sulla situazione dei 425 milioni di euro stanziati un paio di anni fa dal Mit e poi formalizzati dalla convenzione con il Campidoglio alcuni mesi fa per l’ammodernamento delle linee A e B, l’acquisto di nuovi treni, la manutenzione e la sostituzione dell’armamento, divisi tra Atac e Roma Metropolitane come stazioni appaltanti”.

Il rischio paventato da Sciarra, tra l’altro, arriva “dopo che per la prima volta dal 2007/2008, allora fu per il nodo di Termini, la Capitale riceve un finanziamento del genere. È fondamentale tenere quindi il passo: parliamo di 3 progetti di Atac, 3 di Roma Metropolitane e 1 del dipartimento capitolino”.

Quest’ultimo, ha assicurato il dirigente dell’Agenzia, “e’ in dirittura d’arrivo ed e’ per l’acquisto del materiale rotabile, una gara da 134 milioni in pubblicazione in questi giorni con l’arrivo dei primi treni previsto per l’inizio del 2023”.

Per quanto riguarda i tre progetti di Atac, invece, Stefano Guadalupi, direttore Pianificazione e Contratti di servizio della municipalizzata romana del tpl, mette le mani avanti e punta il dito sul Campidoglio: “Siamo in attesa di ricevere la delibera di Giunta che disciplina il nostro ruolo stazione appaltante per i tre interventi in capo ad Atac (armamento, revisione generale e CTC – il telecomando del traffico da remoto – per circa 100 milioni, ndr). Tutta la nostra documentazione tecnica e’ pronta ma il cronoprogramma risente del ‘t con 0′, cioe’ quando riceveremo il disciplinare di incarico per poter far partire le gare”.

Guadalupi rivolge quindi un appello alla Giunta Raggi: “Siamo gia’ a ottobre e c’e’ questo vincolo rigido che e’ la scadenza del 2020, il provvedimento amministrativo e’ molto urgente perche’ a oggi non possiamo affermare con certezza il rispetto dei tempi”.

Per quanto riguarda Roma Metropolitane, invece, Piero Lattanzi, responsabile unico per il procedimento dell’azienda ha spiegato che “siamo senza direttore tecnico e responsabile di progettazione, e’ un momento di ripresa e di trasferimento di informazioni. Una delle cose da fare, che non e’ stata fatta e su cui siamo in ritardo sono le indagini sulla linea e le stazioni per capire lo stato di fatto. Sui cavi di trasmissione, ad esempio, non c’e’ una certezza sulla consistenza: non abbiamo documenti sullo stato attuale, non abbiamo rilievi. Questa cosa e’ stata segnalata anche ad Atac senza pero’ ottenere risultati”.

Nonostante tutto, e considerando che “i finanziamenti per le indagini sullo stato di fatto delle linee sono arrivati con enorme ritardo solo a febbraio 2019- ha concluso Lattanzi- le progettazioni sono andate avanti e abbiamo consegnato tutto quello che ci e’ stato commissionato”. Anche per Roma Metropolitane, comunque, “bisogna chiarire al piu’ presto quali sono le stazioni appaltanti, poi servira’ un gruppo di lavoro fra tutti i soggetti coinvolti per capire se si riesce a chiudere entro i termini”.

Per il presidente Stefano, comunque, “i ritardi sono stati accumulati a causa di un ricorso della Regione Veneto, ma sara’ mia cura chiedere un tavolo di lavoro all’assessore Calabrese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»