VIDEO | Damasco con i curdi: unità schierate al confine con la Turchia

Damasco si schiera a fianco dei curdi e manda unità al confine con la Turchia per arrestare l'avanzata delle forze di Ankara
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Unità dell’esercito della Siria sono state schierate presso il confine con la Turchia, con l’obiettivo di arrestare l’avanzata delle forze di Ankara e dei loro alleati: la notizia, diffusa da fonti di stampa governative, si è accompagnata all’annuncio dell’amministrazione curda del nord di un’intesa con Damasco.

In una nota, diffusa dalla Federazione democratica del Rojava-Siria del nord, si riferisce che le unità aiuteranno le milizie a guida curda “a contrastare l’aggressione e a liberare le aree nelle quali sono entrati l’esercito turco e i mercenari”. Secondo il comunicato, il dispiegamento consentirà anche “di liberare le altre città della Siria occupate dall’esercito turco come Afrin“.

LEGGI ANCHE Erdogan annuncia il via all’offensiva in Siria. M5s: “Nato e Onu fermino la Turchia”

La Federazione ha sostenuto che, sulla base dell’intesa, le unità di Damasco si posizioneranno lungo tutto il confine settentrionale. Media siriani hanno fatto riferimento alla “protezione” delle città di Manbij e Kobane, a est e a ovest dell’Eufrate. L’annuncio è giunto nella serata ieri, alcuni giorni dopo l’inizio dell’offensiva di Ankara a seguito della decisione americana di ritirare i militari degli Stati Uniti dal nord della Siria.

LEGGI ANCHE Siria, monsignor Hindo: “I curdi perderanno tutto, come ad Afrin”

Sempre ieri sera è stata diffusa la notizia di un raid delle forze turche o di loro alleati che ha colpito un convoglio di giornalisti presso la località di Ras Al Ain. Stephanie Perez, inviata dell’emittente ‘France 2’, a bordo di una delle automobili insieme con la sua troupe, ha fatto sapere via Twitter di stare bene ma anche che “fratelli sono morti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»