Il Vescovo di Rimini invoca ordinanza contro i clienti delle prostitute

"Primi passi già fatti, ora bisogna proseguire su questa strada", spiega il Vescovo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – Il Comune di Rimini segua l’esempio di Firenze ed “emetta quanto prima un’ordinanza per contrastare lo sfruttamento della prostituzione e la riduzione in stato di schiavitù“, approfittando del fatto che “il decreto Minniti, convertito in legge lo scorso aprile, consente ai sindaci di emettere un’ordinanza contro chi ottiene prestazioni sessuali a pagamento”. A spronare il Comune in questo senso è, nel corso del suo intervento in occasione della festa del patrono San Gaudenzo, il vescovo riminese Francesco Lambiasi.

Nel suo discorso, Lambiasi tiene comunque a sottolineare che “da qualche tempo anche a Rimini si registra un’inversione di tendenza che mostra di voler affrontare la piaga vergognosa della prostituzione per il verso giusto, secondo il cosiddetto ‘modello nordico’”. In pratica, spiega, “anche da noi, grazie alla collaborazione dell’amministrazione, della magistratura e delle Forze dell’ordine, e con il contributo importante delle associazioni per la tutela delle vittime di tratta”, si è cominciato a sanzionare “il cliente e non le donne che, se arrivano sulla strada, sono già state oggetto di compravendita, soprusi e umiliazioni”.

Non sono “prostitute, ma sono state prostituite”, sintetizza il vescovo, secondo cui “difendere la loro dignità e libertà non è moralismo, perché lo stupro che subiscono non è un ‘atto contro il pubblico pudore’, ma un orrendo crimine”. Ecco perché, chiude Lambiasi, “occorre creare una nuova cultura del rispetto, di cui abbiamo disperatamente bisogno in Italia, dove lo stillicidio ripugnante del femminicidio deriva proprio dall’idea disumana che della donna si può fare ciò che si vuole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»