A Jiftlik, nel palazzo ottomano sfregiato dai proiettili

Jitflik prova a resistere, non lontano da Gerico, nel cuore della Palestina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

palazzo_jiftlik

JIFTLIK (Territori palestinesi) – Le pareti crivellate dai proiettili, completamente aperto, alla mercé di chiunque: appare così oggi l’antico palazzo di Jiftlik, con le cupole e gli archi ottomani, oltraggiato prima dai coloni britannici e poi dal governo israeliano, che prima lo adibì a prigione e poi ha deciso di usarlo per le esercitazioni militari.

Non ci sono turisti oggi, all’indomani dell’annuncio degli Stati Uniti e poi dello stesso governo di Tel Aviv del loro ritiro dall’Unesco, l’Organizzazione dell’Onu per l’educazione, la scienza e la cultura. Agenzia “filo-palestinese” o addirittura “anti-semita”, la spiegazione addotta da Israele e dal suo alleato americano, Donald Trump.

Eppure Jitflik prova a resistere, non lontano da Gerico, nel cuore della Palestina. Il villaggio è circondato da montagne alte, brulle e arrotondate da venti secolari. Poi c’è il palazzo. Ha tre cupole, un alto arco a sesto acuto all’ingresso e vari altri all’interno. Il materiale è la tipica pietra giallastra che si ritrova anche negli edifici moderni, a base prevalentemente calcarea.

Un luogo affascinante e maestoso, ma che sia dai coloni britannici che dal governo israeliano dal 1967 in poi è stato adibito a prigione. Di più: gli israeliani a un certo punto hanno deciso di usarlo per esercitazioni militari, come spesso accade in queste zone desertiche della Valle del Giordano.

Difficile porre rimedio ai danni provocati: le pareti dell’edificio sono crivellate di colpi, le finestre e gli archi distrutti. All’interno è scomparso ogni oggetto, solo polvere e detriti. I muri sono anche pieni di graffiti: parole come ‘Intifada’, ‘Al-Aqsa’ (Gerusalemme in arabo) e ‘Falastin’, (Palestina) ricordano il conflitto israelo-palestinese, ma soprattutto che l’edificio è completamente aperto e alla mercé di chiunque.

“Questo esempio di architettura islamica-ottomana, se trattato con maggior rispetto, avrebbe potuto essere una preziosa testimonianza del passato” spiega un abitante del villaggio. “Ma la conservazione dell’arte e della storia non sempre costituiscono una priorità“.

dalla nostra inviata in Cisgiordania Alessandra Fabbretti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»