Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ponte sullo Stretto, imbarazzo Delrio: “Riconsideriamo di riconsiderare”

Ripartono o no i lavori per il ponte sullo Stretto di Messina? Dopo la mozione Ncd approvata alla Camera due settimane fa, il partito di Angelino Alfano aveva esultato per la vittoria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ripartono o no i lavori per il ponte sullo Stretto di Messina? Dopo la mozione Ncd approvata alla Camera due settimane fa, il partito di Angelino Alfano aveva esultato per la vittoria. Oggi, interpellato dall’ex Sel Claudio Fava durante il question time alla Camera, era il governo a dover chiarire.

La risposta del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio non ha sciolto tutti i dubbi, però. Un minuto piuttosto confuso e imbarazzato: “Il governo ha espresso una valutazione positiva sulla valutazione dell’opportunita’ di riconsiderare l’opportunita’ a riconsiderare il progetto. Noi abbiamo detto che siamo favorevoli a valutare l’opportunita’ di riconsiderare il progetto come infrastuttura ferroviaria”. Per il ministro “e’ una valutazione che non si nega a opere che hanno questo tipo di importanza: nel momento in cui la discussione aperta e pubblica e’ il punto chiave del nuovo codice degli appalti, mi sembrava incoerente, impossibile dire di no a valutare l’opportunita’ di riconsiderare il progetto“.

di Antonio Bravetti

Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»