Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scuola, le sale del Miur diventano un laboratorio di coding

La Sala della Comunicazione e il Salone dei Ministri sono stati trasformati in laboratori dove gli studenti e i loro insegnanti si sono confrontati e hanno svolto attività di coding, coding unplugged e robotica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

coding @ miur_1ROMA – La programmazione stimola la creatività e l’approccio algoritmico alla soluzione dei problemi, che sono fattori essenziali per la crescita individuale e per la competitività del nostro Paese. Ed è per questo dato riconosciuto che, in occasione della terza edizione dell’Europe Code Week (settimana europea della programmazione in corso dal 10 al 18 ottobre) il ministero dell’Istruzione ha organizzato questa mattina il #[email protected].

La Sala della Comunicazione e il Salone dei Ministri sono stati trasformati in laboratori dove gli studenti e i loro insegnanti si sono confrontati e hanno svolto attività di coding, coding unplugged e robotica. Presenti i ragazzi di diversi istituti del Lazio collegati in diretta con quelli dell’IC di San Pietro In Casale di Bologna e dell’IC Zumbini di Cosenza.

Questo tipo di eventi rappresenta per gli studenti un’opportunità di apprendimento informale e intuitivo che “avvicina i giovani e i giovanissimi al pensiero computazionale e al problem solving”, mentre le scuole possono “confrontarsi con le potenzialità e le prospettive del coding”. In questa edizione 2015, coordinata dall’Italia, le Scuole sono state chiamate ad organizzare eventi al proprio interno durante la settimana europea della programmazione, un’occasione per gli istituti che non hanno già fatto esperienze di coding  per iniziare in forma sperimentale nell’ambito di un’iniziativa internazionale.

di Edoardo Romagnoli – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»