NEWS:

Firenze torna in classe, Nardella: “Ricambio d’aria solo se strettamente necessario”

Alla vigilia del nuovo anno scolastico, monito di Nardella per il risparmio energetico in classe

Pubblicato:15-09-2022 18:03
Ultimo aggiornamento:15-09-2022 18:03

Nardella Firenze
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

FIRENZE- Una nuova linea di bus e un’attenzione particolare al risparmio energetico in tempi di crisi del gas, ma anche di obblighi di ricambio dell’aria in classe. Segue questa doppia direttrice la ripresa dell’anno scolastico a Firenze. Il sindaco Dario Nardella, a margine di un incontro coi giornalisti, spiega come l’amministrazione comunale e metropolitana si preparano al difficile autunno-inverno alle porte sul fronte scolastico.

RICAMBIO DELL’ARIA? SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARIO

“Ho dato mandato all’assessore Funaro e al consigliere delegato Fratini di prendere immediatamente contatto coi dirigenti scolastici perché ci sia la massima attenzione nell’applicare la prescrizione del ricambio d’aria per via del Covid. Il ricambio d’aria deve essere quello strettamente necessario a rispettare le prescrizioni sanitarie“, dichiara il sindaco riflettendo sulla difficoltà di conciliare la disposizone anti-Covid che impone di aprire le finestre a scuola per garantire il corretto ricambio dell’aria e la necessità di contenere i consumi per il riscaldamento durante l’autunno e l’inverno.

CON GESTIONE LASCA RISCHIO SERIO PER CONSUMI ENERGIA

“Se il ricambio dell’aria viene gestito in modo lasco- avverte il sindaco- si crea un problema molto serio di consumi energetici per il riscaldamento delle classi e delle scuole. Sappiamo che vanno rispettate le prescrizioni del Covid, che riguardano le scuole e quindi la salubrità degli ambienti, ma chiediamo ai dirigenti scolastici, ai docenti, agli studenti di fare estremamente attenzione ad una attuazione di buon senso di questa misura, che deve conciliarsi col problema dei costi del riscaldamento. Ci sono tanti strumenti che possiamo mettere in campo per ridurre i consumi, accelerare la conversione delle fonti energetiche, ognuno dovrà fare la sua parte”.


SEMAFORI, VIGILI E BUS. FIRENZE E LA PRIMA CAMPANELLA

Piani semaforici ad hoc per migliorare la circolazione viaria in prossimità delle scuole, potenziamento del presidio degli istituti con l’impiego di decine di agenti della Polizia municipale e l’attivazione di una nuova linea del trasporto pubblico, la numero 88, al servizio degli studenti del Don Milani e delle zone di Rovezzano, Campo di Marte. Sono questi i punti principali del piano della mobilità predisposto dal Palazzo comunale e dalla Città metropolitana per l’avvio del nuovo anno scolastico. In particolare, viene spiegato in una nota, la nuova linea prevederà l’attivazione gratuita dell’abbonamento ad Autolinee per gli iscritti all’istituto comprensivo Don Milani. Al momento sono già stati richiesti e attivati 100 abbonamenti. “Con questa linea che abbiamo chiesto ad Autolinee garantiamo agli alunni di raggiungere le aule di via Nicolodi in modo sicuro, comodo e gratuito. Abbiamo fatto tutti gli sforzi possibili per andare incontro alle esigenze degli studenti, delle loro famiglie e della scuola”, affermano gli assessori comunali all’Educazione, Sara Funaro, e alla Mobilità, Stefano Giorgetti.

APPELLO DEL COMUNE: “USATE SEMPRE I MEZZI PUBBLICI”

Il titolare della delega ai Trasporti della Giunta Nardella si sente, inoltre, di muovere un appello all’utilizzo dei mezzi pubblici e della mobilità alternativa, anche in caso di pioggia: “Abbiamo messo a punto- prosegue Giorgetti- una massiccia presenza della municipale nei punti strategici della viabilità cittadina e nei pressi di una serie di scuole. Per quanto riguarda i lavori in corso sulle strade, domani in viale Milton sarà completato il cantiere di riqualificazione del marciapiede lato Mugnone. Sul viale saranno quindi nuovamente a disposizione due corsie. Certamente, uno scaglionamento degli orari di ingresso-uscita delle scuole avrebbe giovato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy