Coronavirus, Berlusconi dimesso: “Prova più pericolosa della mia vita, l’ho scampata anche questa volta”

La notizia della positività al Covid dell'ex presidente del Consiglio risale allo scorso 2 settembre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Nella foto, un sostenitore di Berlusconi fuori dal San Raffaele

ROMA – Dimesso oggi Silvio Berlusconi. Dopo dieci giorni di ricovero, fa sapere l’ufficio stampa del presidente di Forza Italia, l’ex cavaliere ha lasciato il San Raffele intorno alle 12.

LEGGI ANCHE: “Con le regole della Regione Lombardia, Silvio Berlusconi ha rischiato di non poter essere ricoverato”

La notizia della positività al Covid19 dell’ex Cavaliere era arrivata lo scorso 2 settembre. Due giorni dopo il primo bollettino dal San Raffaele. Sono stati giorni duri per Berlusconi, che ha parlato di “malattia infernale” e ha ammonito: “Mettete le mascherine”.

LEGGI ANCHE: Berlusconi: “Il Covid19 malattia infernale”

“Grazie per essere qui, è stata la prova più pericolosa della mia vita. I momenti più difficili sono stati tanti nei primi tre giorni”, ha detto Silvio Berlusconi, lasciando il San Raffaele di Milano. “Anche questa volta l’ho scampata”, ha aggiunto.

“Oggi è il giorno in cui milioni di bambini tornano a scuola: è una notizia positiva, segno di ritorno alla normalità. E’ un passaggio delicatissimo”, ha aggiunto. “Rivolgo agli studenti un affettuoso in bocca al lupo e un forte richiamo al rispetto rigoroso delle regole sanitarie. Fatelo per voi stessi, per i vostri nonni, insegnanti e genitori che potreste contagiare”, aggiunge.

“Ognuno di noi è esposto al rischio di contagiare gli altri, rinnovo a tutti l’appello alla massima responsabilità personale e sociale. Il mio pensiero va prima di tutto ai tanti ammalati di covid e alle loro famiglie– aggiunge- nelle scorse settimana prima di ammalarmi avevo lanciato numerosi appelli a non sottovalutare il pericolo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»