Fiumicino, entro l’anno cantieri nuovo avancorpo e molo aeroporto

L'inaugurazione del nuovo molo è prevista per il 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIUMICINO – “Il piano per la realizzazione della nuova area di imbarco A e dell’estensione del T1 va avanti. Per noi ‘i lavori’ sono già iniziati perché la progettazione è in corso. Entro l’anno inizieranno i primi cantieri per lo smantellamento delle aree tecniche. L’inaugurazione è prevista per il 2021, il nuovo molo sarà dedicato a voli Schengen”. Così l’ad di Adr, Ugo de Carolis a margine dell’inaugurazione del nuovo Pit di Roma all’aeroporto di Fiumicino.

Leggi anche All’aeroporto di Fiumicino inaugurato nuovo Punto informativo turistico di Roma Capitale

La nuova area sarà una zona gemella di quella inaugurata pochi mesi fa, ovvero l’area di imbarco E per i voli extra Schengen (il cosiddetto ex molo C, compreso avancorpo). Qui saranno realizzati un’estensione dell’attuale terminal 1 e un nuovo molo destinati ad aumentare la capacità complessiva dell’aeroporto di 4 milioni di passeggeri l’anno. Il nuovo molo sarà collocato all’estremità est del sistema dell’aerostazione e sarà organizzato su due livelli e un mezzanino, dedicati ai passeggeri. In totale potranno essere accolti 14 gate dotati di loading bridge e 10 gate remoti. Il collegamento con il T1 avverrà tramite un passaggio sopraelevato che condurrà verso un ampliamento dell’avancorpo del terminal 1.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»