Imprese, Vaccarino (Cna): “Aumenta la fiducia, avanti con semplificazione”/VIDEO

Cna annuncia un'indagine tra le imprese italiane per capire le differenze ci sono nell'operare in un Comune o in un altro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tra le imprese della Cna si percepiscono segnali di miglioramento della situazione economica ma con “differenziazioni tra luoghi e settori: quelli che prima erano numeri con segno più non avvertiti dalle imprese, oggi possiamo dire che molte delle nostre imprese avvertono una crescita degli ordini e del fatturato“. Lo dice il presidente della Cna, Daniele Vaccarino, in occasione dell’incontro con la ministra della Pa, Marianna Madia. Vaccarino osserva che “c’è una fiducia maggiore nel futuro ma non coinvolge tutti i settori: continuano a esserci problemi sull’edilizia. Faremo il possibile perché nella prossima legge di bilancio ci siano le risorse per sostenere questo settore”. Invece c’è una “qualche ripresa nel settore del trasporto, che è spesso significativo per determinare se c’è un miglioramento complessivo”.


In questo contesto “è fondamentale. nel momento in cui crescono le esigenze di fare investimenti o avviare nuove attività, che le domande, i pareri o le certificazioni da parte degli enti pubblici arrivino in tempi corretti, altrimenti è un intralcio per l’impresa. Oggi con l’incontro con la ministra Madia diamo un impulso su questo fronte: non solo perché avevamo l’impegno di fare il punto a due anni dall’approvazione della riforma, ma siamo anche propositivi nei confronti del governo”. Per questo la Cna avvia “un grandissimo lavoro che si traduce in questo slogan ‘paese che vuoi burocrazia che trovi‘: sarà un’indagine a tutto campo per capire che differenze ci sono in Italia per un’impresa ad operare in un Comune o in un altro, per capire- conclude Vaccarino- quali sono i Comuni più virtuosi, quali faticano di più e quelli che sono in ritardo sulla semplificazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»