Ue, Juncker: “Pronti a quartier generale per difesa comune”

"E' necessario che nell'Unione Europea ci dotiamo di un quartiere generale unico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

junckerROMA – “Dobbiamo farci carico insieme della difesa dei nostri interessi”: lo ha detto oggi di fronte al parlamento dell’Ue Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, indicando come obiettivo la creazione di un quartier generale comune. “Nel corso degli ultimi dieci anni abbiamo partecipato a oltre 30 missioni militari e civili dell’Ue, ma senza una struttura permanente non possiamo agire in modo efficace” ha sottolineato l’ex primo ministro del Lussemburgo: “E’ necessario che nell’Unione Europea ci dotiamo di un quartiere generale unico“.

Juncker ha rilasciato le dichiarazioni a Strasburgo, nel corso del cosiddetto discorso sullo “stato dell’Unione”. I temi delle politiche di sicurezza e difesa saranno del resto centrali al vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue che si aprirà venerdì a Bratislava, in Slovacchia. Centrale sarà il ruolo di Federica Mogherini, Alto rappresentante per la politica estera e di difesa. In un’intervista concessa nei giorni scorsi al quotidiano ‘La Repubblica’ il capo della diplomazia europea aveva riferito di un piano in più punti: impiego di “unità multinazionali europee di intervento rapido“, possibilità da parte di un gruppo di Paesi di condurre azioni militari “in nome e per conto di tutta l’Unione”, creazione di un quartier generale comune e il coordinamento degli investimenti necessari al settore della difesa.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»