Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ue, Juncker: “Piano da 630 miliardi entro il 2022”

Lo ha annunciato il presidente della Commissione dell'Ue con l'obiettivo di rilanciare l'economia del Vecchio continente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

commissione ueROMA – Un piano di investimenti da 630 miliardi di euro entro il 2022: è la proposta avanzata oggi di fronte al parlamento europeo da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione dell’Ue, con l’obiettivo di rilanciare l’economia del Vecchio continente. Il progetto è centrato sul Fondo europeo per gli investimenti e rispetto a una prima ipotesi prevede un raddoppiamento dei capitali da mobilitare. Nel suo intervento, il cosiddetto discorso sullo “stato dell’Unione”, Juncker ha sottolineato che la proposta dovrà ora passare al vaglio dei governi dei Paesi membri dell’Ue e dello stesso parlamento europeo.

Di fronte ai deputati riuniti a Strasburgo l’ex primo ministro del Lussemburgo ha del resto sottolineato la necessità di difendere i principi della libera circolazione delle persone, uno dei principi cardine dell’Ue. “Non ci può essere un ingresso ‘a la carte‘” ha detto Juncker, denunciando i rischi di “un populismo scatenato” e rilanciando l’allarme xenofobia: “Non accetterò mai che lavoratori polacchi vengano picchiati e maltrattati nelle strade dell’Essex”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Ue, lo stato dell’Unione. La DIRETTA STREAMING sul sito dell’agenzia Dire

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»