Padri separati ridotti in povertà, ecco la proposta di legge del Friuli Venezia Giulia

Nei dormitori, alle mense aumentano i padri separati ridotti in povertà. Ecco la proposta di legge del Friuli Venezia Giulia per arginare il dramma.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

padre separatoL’ultima denuncia è della Diocesi di Concordia-Pordenone: nei dormitori, alle mense aumentano gli uomini separati ridotti in povertà, tanto che è nato il progetto della “Casa dei padri separati”.

Il dramma è condiviso da migliaia di padri in Friuli Venezia Giulia e sempre più parti della società civile sollecitano interventi. Una risposta arriva con una proposta di legge regionale a favore dei padri separati, che porta la firma del consigliere regionale del Gruppo Misto, Mara Piccin.

“È una proposta – afferma Piccin – che si presenta come un contributo originale alla materia che non trova a oggi una disciplina in ambito regionale. È una questione senza colore e spero si trasformi in un’opportunità di lavoro che accomuni tutti gli schieramenti del Consiglio regionale”.

Piccin continua: “Ormai separarsi è una cosa da ricchi. Lo stato di padre separato si traduce di fatto nell’impossibilità di riuscire a offrire ai figli una vita di relazione”.

Attraverso una serie di aiuti, la legge si propone l’obiettivo di consentire al padre separato di continuare a fare il papà, condividendo la vita dei figli. “Si intende offrire sostegno di carattere economico e psicologico – spiega la promotrice Piccin – nonché dare supporto per fornire un’abitazione a quei padri che, nel periodo della separazione, rischiano di non avere una stabile dimora”.

La consigliera pordenonese conclude: “Oggi più che mai è necessario un intervento legislativo a garanzia dei diritti sociali riconosciuti ai singoli e alle famiglie dalla Costituzione, che riconosca l’importanza del ruolo genitoriale e ponga in essere modalità di intervento a sostegno delle famiglie monoparentali. La mia proposta di legge si pone in questa direzione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»