Bielorussia, Commissione Ue e Germania favorevoli alle sanzioni

Dopo la violenta repressione delle proteste, l'Unione Europea si muove
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Servono sanzioni aggiuntive contro chi viola i valori della democrazia o i diritti umani in Bielorussia. Ho fiducia nel fatto che i ministri degli Esteri dell’Unione europea saranno capaci di dare prova di un forte sostegno al popolo bielorusso, e ai fondamenti della liberta’ e della democrazia”. Lo ha scritto in un tweet la presidentessa della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, a poche ore dal consiglio straordinario dei ministri degli Esteri dell’Unione europea, in cui si discutera’ anche di Libano e Mediterraneo orientale.

La posizione espressa dalla leader della Commissione ha ricevuto il sostegno della Germania, come ha garantito il portavoce del governo di Berlino, Steffen Seiber.

Seiber ha definito “inaccettabile e scioccante” la violenta repressione attuata da Minsk contro i manifestanti scesi per le strade di varie citta’ del Paese per contestare la sesta rielezione del presidente Aleksandr Lukashenko, cosi’ come gli arresti di massa.

LEGGI ANCHE:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»