Cucciola legata a un palo sotto il sole, poliziotto la salva e decide di adottarla

Sono stati gli agenti del commissariato San Giovanni a trovare la cucciola di circa un anno stremata dal caldo torrido e impossibilitata a trovarne riparo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print





Previous
Next

ROMA – E’ una storia a lieto fine quella di una cucciola di meticcio abbandonata e lasciata legata ad un palo della luce sotto il sole cocente. Sono stati gli agenti del commissariato San Giovanni, diretto da Mauro Baroni, ad accorgersi del cane, una cucciola di circa un anno stremata dal caldo torrido e impossibilitata a trovarne riparo. I poliziotti si sono immediatamente prodigati per soccorrere il povero animale con acqua e cibo per poi attivare gli enti comunali per il controllo sanitario del cane sprovvisto di microchip. Dopo le prime cure del caso, la cucciola è stata temporaneamente custodita presso il Canile Municipale nell’impossibilità di risalire al proprietario.

Nei giorni successivi uno dei due agenti intervenuti per soccorrere il cane ha continuato a seguire la cucciola con frequenti visite presso il Canile Municipale e in virtù del forte legame creatosi ne ha chiesto l’adozione. Il lieto fine è arrivato nei giorni seguenti, infatti la cucciola, ribattezzata Maggie è stata definitivamente affidata a Michele, assistente della Polizia di Stato, con sua grande soddisfazione, condivisa tra l’altro da tutto il personale del commissariato San Giovanni dove Maggie è divenuta una simpaticissima e frequente ospite.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»