“Sì, siamo cambiati”, Appendino vota ‘sì’ alle alleanze ma il Pd attacca: “Opportunista”

Sul quesito sul superamento del limite dei due mandati, la sindaca Appendino sceglie l'astensione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

TORINO – “Votare ‘si” al secondo quesito vuol dire dare un’opportunita’ in piu’ ai territori che oggi non esiste. Ma vuol dire anche far crescere dando piu’ responsabilita’. Ogni territorio decidera’ cosa fare, nell’esclusivo interesse della sua comunita’. La fiducia e’ il dono piu’ bello che si possa fare. Ed e’ ora di guardare oltre quei paletti. Per questo motivo, su Rousseau, al secondo quesito, ho votato si'”. Cosi’ la sindaca di Torino, Chiara Appendino, affida a un lungo post sulla sua pagina Facebook le riflessioni sul voto della piattaforma Rousseau a cui sono stati chiamati i 5 Stelle.

In merito al primo quesito relativo alla modifica del mandato zero, che le permetterebbe di ricandidarsi alle prossime comunali, Appendino spiega: “Quello della deroga al doppio mandato e’ un tema che potenzialmente mi tocca in prima persona. Dunque, anche per coerenza con quanto ho sempre detto su questo punto, mi sono astenuta dal voto e non aggiungero’ commenti“.

La prima cittadina di Torino coglie inoltre l’occasione per fare un bilancio degli ultimi anni passati al governo della citta’. “Credetemi- scrive- in questi anni da sindaca di quella che per me e’ la piu’ bella citta’ del mondo, ho imparato tanto. E forse cio’ che ho imparato di piu’ e’ che le idee, per funzionare, devono andare oltre qualsiasi pregiudizio. Non ho alcun timore a dire che mi sono dovuta ricredere su molte persone. Nel bene e nel male”.

Appendino non risparmia poi un messaggio diretto ad alcuni esponenti del suo gruppo di maggioranza (primo fra tutti il consigliere Damiano Carretto) che, nei giorni scorsi, si erano espressi in modo contrario sia per quanto riguarda la deroga al secondo mandato, sia sul tema delle alleanze. “Semplicemente, sono e siamo cresciuti. E se qualcuno preferisce dire che siamo cambiati… beh, si’. Siamo cambiati. Quei paletti che ci siamo dati ci sono serviti a non sbagliare strada quando ancora non sapevamo guidare. Ora siamo cresciuti e, mi sento di dire, e’ arrivato il momento di guardare oltre quei paletti. Non e’ una questione di sigle, ne’ di nomi. È una questione di fiducia in noi stessi. È una questione di fiducia nei territori”.

PD: APPENDINO VUOLE L’ALLEANZA PER CINICO OPPORTUNISMO

“L’annuncio della sindaca Chiara Appendino di volere una alleanza con il Pd non ci stupisce per nulla ed e’ solo frutto di cinico opportunismo e calcolo politico“. Cosi’ il capogruppo dei dem in Consiglio comunale a Torino, Stefano Lo Russo, tramite una nota commenta la scelta della sindaca di votare si’ sulla piattaforma Rousseau, al quesito che apre il Movimento alle alleanze con i partiti tradizionali.

Secondo il capogruppo, questa mossa deriverebbe “dalla piena consapevolezza che il M5S e soprattutto la sua amministrazione sono arrivate al capolinea e che il tempo sta per scadere. E che ci sono arrivate nel peggiore dei modi. Dovevano rilanciare Torino, l’hanno affossata e spenta”.

Guardando al futuro, Lo Russo aggiunge: “Oggi alla Citta’ serve un progetto completamente alternativo a quello grillino, di rilancio e di sviluppo, che metta al centro il lavoro e non figlio di compromessi programmatici al ribasso. E quel progetto il Pd e’ chiamato a costruirlo e lo sta costruendo con le forze del centrosinistra e non di certo con il M5S“.

E ancora: “Noi siamo interessati a quello: al rilancio di Torino. Dei posizionamenti politicisti atti a garantirsi il futuro personale dei vari esponenti grillini ci interessa davvero poco”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»