Trionfo azzurro nei 1500 stile libero, Paltrinieri è d’oro

Sfiorato record del mondo per il campione di Carpi. E Gabriele Detti conquista la medaglia di bronzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Gregorio Paltrinieri
Gregorio Paltrinieri

ROMA – Gregorio Paltrinieri ce l’ha fatta: è sua la medaglia d’oro per i 1.500 metri stile libero alle Olimpiadi di Rio. Non solo. Paltrinieri sfiora anche il record mondiale grazie a un tempo di 14’34″57. E a completare il trionfo azzurro ci pensa Gabriele Detti, che con il suo 14’40″86 è medaglia di bronzo (sul secondo gradino del podio finisce lo statunitense Connor Jaeger con 14’39″48).

“È stata veramente dura da un punto di vista psicologico. Un’emozione incredibile. È una bella cosa. Tutti si aspettavano questa medaglia, ma non c’è nulla di scontato- ha detto Paltrinieri, 22 anni, ai microfoni della Rai-. Io non avevo paura di nulla, ma è sempre una finale olimpica. Questa medaglia l’ho sempre voluta come volevo il record del mondo, so di valerlo e prima o poi lo farò. Sono partito forte per scavare un gap con gli altri e farli scoraggiare”, ha spiegato il campione di Carpi (Modena).

Gabriele Detti
Gabriele Detti

“È qualcosa di veramente speciale. Questo podio lo volevamo da cinque anni. Sono senza parole, sono contentissimo, per me, per la medaglia e per Greg. Ora allenarsi col campione olimpico sarà ancora più dura…”  , è invece il commento del livornese Detti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»