Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Affido e mediazione famigliare, gli incontri promossi dal Garante delle Marche

Garante di diritti Marche Giancarlo Giulianelli
Giulianelli intende attivare azioni di monitoraggio delle diverse situazioni per avere un quadro esaustivo delle criticità presenti sul territorio regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Infanzia e adolescenza, nuovi interventi in cantiere per il Garante dei diritti, Giancarlo Giulianelli. Già attivata una serie d’incontri su diversi versanti. In primo piano il percorso dell’affido con particolare attenzione alla parte iniziale della tutela e della presa in carico ed alla formazione dei tutori, che risultano essere in numero esiguo e che necessariamente devono essere volontari in base a quanto stabilito dalla legge di settore. 

Tra gli obiettivi del Garante, quello di avviare una ricognizione su tutto il territorio regionale per redigere un elenco aggiornato degli aspiranti tutori e curatori e per avere un quadro esaustivo delle problematiche incontrate fino ad oggi.

 Uno degli aspetti salienti dell’affido familiare, emerso anche  nel corso dei recenti incontri, è quello della durata che in base alla normativa vigente non dovrebbe protrarsi oltre i due anni, ma che in base a recenti statistiche, a volte va anche oltre i quattro.

Su altro versante, il Garante ritiene opportuno un approfondimento in relazione alla mediazione familiare per la quale, al momento,  si registra un significativo allungamento dei tempi d’intervento nei conflitti in essere.

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid – evidenzia Giulianelli – ha avuto sicuramente un ruolo importante, rallentando le azioni necessarie per rimuove criticità e problemi. Ora è necessario mettere in atto il monitoraggio delle diverse situazioni per poter intervenire in modo adeguato e per poter far ricorso a tutti gli strumenti a disposizione. Gli incontri che stiamo portando avanti hanno proprio questa finalità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»