Alla ‘Ndrangheta 45 mila euro di fondi anti-Covid: 8 arresti

Le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale aggravata dal metodo mafioso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Maxi frode fiscale della ‘Ndrangheta sui fondi per la pandemia. E’ quanto emerso dalle indagini della Guardia di Finanza e della Direzione distrettuale Antimafia di Milano che, questa mattina, hanno portato all’arresto di 8 persone.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, infatti, una società intestata a prestanome e gestita da Francesco Maida, collegato al clan di San Mauro Marchesato, nel crotonese, di Lino Greco, ha ottenuto 45mila euro di contributi a fondo perduto per l’emergenza Covid previsti dal decreto Rilancio e le misure di sostegno al lavoro e all’economia in esso contenute.

Le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale aggravata dal metodo mafioso e dalla disponibilità di armi, autoriciclaggio, intestazione fittizia di beni e bancarotta.

“I contributi a fondo perduto- commenta in una nota il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri- servono per garantire chi nell’emergenza ha avuto difficoltà, non certo le persone indagate peraltro connesse, secondo i magistrati, alla ‘ndrangheta”.

“Voglio fare un ringraziamento alla DDA di Milano e alla Gdf- prosegue la nota- che stanno facendo un lavoro straordinario e che hanno fatto emergere ancora una volta come il malaffare si nutra dello Stato, tenta di prosciugarlo, sottraendo ai cittadini possibilità e diritti. In un momento di difficoltà economica come quello che stiamo vivendo, è fondamentale riuscire ad assicurare alla giustizia chi commette un reato a danno della collettività e soprattutto- conclude Sileri- non far venir meno le opportunità di ripartenza costruite per i cittadini”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»