VIDEO | La manager al vertice di Ey Italia: “Nel Paese le norme di genere sono spesso di maquillage”

SPECIALE DONNE AL COMANDO | A raccontarsi è l'avvocata Stefania Radoccia, una delle prime donne in Italia al vertice di una law firm, uno "studio da 120 milioni" di euro di fatturato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per anni ho subito che non mi chiamassero avvocato o che mi considerassero la segretaria del professore”. Il suo lavoro di oggi, come Managing Partner dell’area Tax & Law di EY in Italia, è “coordinare oltre 600 professionisti, di profilo internazionale, che si occupano di fisco e tematiche legali, è un ruolo direi ‘maieutico’. Noi professionisti siamo tutti ‘prime donne’, anche gli uomini, e gestire avvocati e fiscalisti è una delle cose più difficili che esistano”. A raccontarsi per lo Speciale ‘Donne al comando’ di DireDonne è l’avvocata Stefania Radoccia, che di recente ha assunto anche il ruolo di responsabile Mercati dell’area Med di EY e una delle prime donne in Italia al vertice di una law firm, uno “studio da 120 milioni” di euro di fatturato.

La sua carriera, fin dalla formazione – il liceo classico e la laurea in giurisprudenza alla Sapienza di Roma – è stata ispirata dall’idea di “farsi valere, competitiva e determinata anche grazie alle esperienze sportive. Ho giocato a pallamano in serie A e fatto equitazione ad alti livelli” ha ricordato. Un bagaglio di determinazione che viene da una famiglia materna di donne molto autonome, con una nonna nata nei primi del 900 e laureata, e da una famiglia paterna invece più tradizionale. Con un episodio a segnare una svolta, legato alla prima comunione, quando “i soldi per me – regalati dalla nonna paterna con una mentalità legata a una certa cultura – erano esattamente la metà di quelli per mio cugino. Ho pensato che non fosse possibile tollerare queste cose nella vita e ho iniziato a pensare di essere una persona, di non dover faticare di più degli altri per ottenere le stesse cose”.

Non è mancata nel corso dell’intervista un’osservazione generale sulla condizione femminile nel mercato del lavoro italiano. “I temi di genere in Italia e i provvedimenti normativi sono spesso di maquillage. L’Ispettorato del Lavoro in un’indagine di quest’anno- per fare un esempio- ci dice che le dimissioni delle donne nei primi anni di vita dei bambini sono aumentate, da 25mila nel 2018 a oltre 37mila nel 2019″, per non parlare del “gender gap e da una ricerca di Eurostat emerge che ci sono 8 punti di differenza tra le dirigenti donne e uomini, che salgono a 10 sotto la dirigenza”.

Le donne hanno un problema con il potere? “Certo. Le donne non si sono mai occupate culturalmente del potere. Molte ritengono che i temi soft siano più consoni alle donne, io invece penso che il potere sia utile che lo gestiscano le donne – come hanno dimostrato i governi a guida femminile sotto pandemia – e molte ricerche dicono che se ci fossero più manager donne aumenterebbe il Pil e le aziende sarebbero gestite meglio. La leadership femminile non è più accogliente di per sè, ma ha uno stile che la contraddistingue. Il potere è finalizzato al bene e all’unione, non è niente di negativo ed è uno strumento- ha concluso- che serve al benessere collettivo”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»