Beyoncé presenta i suoi gemelli Rumi e Sir Carter

Dopo tanti rumors la stella del pop ha così confermato tutte le indiscrezioni che circolavano da un po'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Beyoncé presenta al mondo i suoi gemelli

ROMA – Beyoncé presenta al mondo i suoi gemelli: Rumi e Sir Carter. Dopo tanti rumors la stella del pop ha così confermato tutte le indiscrezioni che circolavano da un po’. Sui nomi e sul sesso.

Come sempre, la signora Carter ha scelto Instagram per pubblicare la prima foto dei bambini. In braccio a mamma Beyoncé circondata da fiori, un abito aperto sul davanti e un velo. Quasi stesso look con cui mesi fa annunciò la gravidanza.

Beyoncé presenta al mondo i suoi gemelli: sono nati il 13 giugno

Ad accompagnare la foto, la didascalia di presentazione: “Sir Carter e Rumi 1 mese oggi”, a spazzare ogni dubbio sulla data di nascita dei bambini avvenuta il 13 giugno. Lo scatto, come era prevedibile, ha fatto impazzire gli utenti di Instagram. Al momento sono oltre 2 milioni e 600 mila i like ottenuti. Un numero che non potrà che crescere. I fan si godono questo primo momento pubblico di Rumi e Sir. Durante la gravidanza, la star e il marito Jay-Z avevano mantenuto lo stretto riservo su qualsiasi dettaglio. Online solo le foto dell’interprete di Crazy in love con il pancione, spesso accompagnata dalla primogenita Blue Ivy e qualche volta anche dal marito. Ora non resta che aspettare la foto della famiglia Carter al completo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»