La passione di Roberto Fico per i maiali: “Così carini, ne vorrei uno” AUDIO

Il deputato M5s un fan del canale Instagram 'Kevinpigbacon'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA  – Fido o Fuffi? No, grazie. L’animale domestico ideale da tenere in giardino o in casa, per Roberto Fino non è un fedele cagnolino o un tenero gattino ma un maiale. Parola del parlamentare M5s che, conversando con alcuni cronisti, svela la sua passione per il canale Instagram chiamato ‘KevinpigBacon‘. La conversazione prende spunto dal caso degli insulti antisemiti che la pagina ‘Il Club Luigi Di Maio’ su Facebook ha rivolto al deputato Emanuele Fiano, padre della legge contro l’apologia del fascismo: un fotomontaggio lo paragona a un maiale.
I cronisti chiedono un commento, lui esprime solidarietà a Fiano e poi decide di raccontare la sua passione per i suini. “Io sono iscritto al canale ‘Kevin Bacon’ su Instagram che fa vedere tutti i maiali che la gente tiene a casa, sono carini, c’e’ chi li tiene sotto le coperte. Se mi chiamassero maiale, in generale, io penso a questo quindi non mi offendo“.

Ascolta la lode di Roberto Fico ai maiali

Quindi dare del maiale non e’ un’offesa? “Mi dissocio da quello che hanno fatto a Fiano- precisa Fico- ma il maiale se lo guardi da un altro punto di vista non e’ un’offesa. Su quel canale di Instagram ci sono maiali straordinari, piccoli, che stanno sotto le coperte, io lo vorrei proprio. E’ il mio desiderio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»