Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Parti prematuri, Upr presenta progetto di legge: “Serve maggior tutela”

SAN MARINO - Un progetto di legge che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

incinta44

SAN MARINO – Un progetto di legge che integra e potenzia gli attuali strumenti a tutela della maternità: lo ha depositato oggi alla segreteria istituzionale il gruppo consiliare Unione per la Repubblica. In dettaglio, la proposta normativa “intende mettere a disposizioni dei genitori- spiega una nota di Upr- che hanno un parto antecedente le 37 settimane di gravidanza completa, uno strumento normativo che possa sostenere i genitori, lavoratori, in una fase delicata e complessa”.

GravidanzaSi progetto prevede in particolare di “aggiungere al periodo previsto dal congedo di maternità- chiariscono i consiglieri di minoranza- i giorni antecedenti alla data di nascita ai fini del calcolo del periodo di congedo maternità”. Inoltre è prevista la facoltà di sospendere il congedo per maternità in caso di ricovero del bambino. A sostegno della proposta normativa, Upr ricorda come i parti pre-termine siano piuttosto diffusi: “Ogni anno– riferisce la nota- circa 15 milioni di bambini nascono prima del termine di 37 settimane per una gravidanza completa”. Ritenendo il tema e le connotazioni sociali trattate di grande importanza, il gruppo consiliare Upr si dice pienamente disponibile a confronti e contributi che possano migliorare la proposta di legge.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»