Meloni: “Introdurre il reato di integralismo islamico” VIDEO

ROMA - Punire con la carcerazione fino a 6 anni "chiunque predichi l'odio" in Italia. Fratelli d'Italia lancia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Punire con la carcerazione fino a 6 anni “chiunque predichi l’odio” in Italia. Fratelli d’Italia lancia la battaglia per introdurre nell’ordinamento nazionale il reato di “integralismo islamico”.

Nel corso di una conferenza stampa alla Camera, la presidente Giorgia Meloni premette: “Il fenomeno del fondamentalismo islamico è inserito nella cultura islamica. Alla base del problema c’e’ una specifica ideologia, mescolata a una base religiosa. Sentiamo spesso dire, quando ci sono episodi di terrorismo, che sono atti di qualche folle. Facciamo finta di non vedere che alla base del fondamentalismo islamico c’e’ una cultura, ci sono cattivi maestri, che spesso sono nazioni e Stati con i quali l’Occidente ha a che fare, tratta ampiamente. Sono le nazioni che finanziano la stragrande maggioranza dei centri culturali islamici in Italia”.


LA CAMPAGNA ‘DISINNESCA L’ODIO”

Fratelli d’Italia quindi “avvia oggi la campagna ‘disinnesca l’odio’: abbiamo depositato una proposta di legge per chiedere l’introduzione nel nostro codice penale del reato di integralismo islamico. Non è un reato di opinione: vogliamo colpire chiunque predichi l’odio mettendo a repentaglio la sicurezza dei nostri cittadini portando avanti tesi come la pena di morte per conversione, omosessualità, adulterio, lapidazione, zero diritti per le donne: tutte cose che purtroppo esistono in altre nazioni fondamentaliste che sono le stesse che spesso finanziano l’apertura di luoghi di culto qui in Italia e a cui molti terroristi si rifanno, anche tra quelli che predicano da noi”.

Fratelli d’Italia vuol rendere perseguibile penalmente ogni propaganda o predicazione, purché “siano indirizzate o comunque tali da mettere in pericolo la pubblica incolumità”. L’articolo unico della pdl punisce con la reclusione da 4 a 6 anni “chiunque, al fine di o comunque in maniera tale da mettere in concreto pericolo la pubblica incolumità, propugna o propaganda idee dirette a sostenere sotto qualsiasi forma l’applicazione della pena di morte per apostasia, omosessualità, adulterio o blasfemia; l’applicazione di pene quali la tortura, la mutilazione e la flagellazione; la negazione della libertà religiosa; la schiavitù, la servitù o la tratta di esseri umani”. Meloni lancia una “raccolta di firme su tutto il territorio nazionale. Inoltre, sul sito di Fdi sarà possibile sostenere una petizione per chiedere al presidente della Camera di calendarizzare il prima possibile questa proposta perché vorremmo sapere che cosa ne pensano i colleghi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»