Il I Municipio chiede a Marino ordinanza anti-alcol anche di giorno

"Abbiamo chiesto al sindaco Ignazio Marino di estendere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

divieto alcol“Abbiamo chiesto al sindaco Ignazio Marino di estendere il divieto di consumo di alcol nelle ore diurne nei tre parchi dell’Esquilino. A Colle Oppio, piazza Vittorio o a piazza Dante si trova una situazione invivibile, visto che sono diventati punti di ritrovo di tante comunità, di tante etnie e di tante persone che bevono dalla mattina alla sera e rendono le le zone inutilizzabili per i cittadini”. Lo ha detto Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio di Roma Capitale, intervenuta ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’università Niccolò Cusano, nel corso del format ‘Ecg Regione’.

“Servono risposte emergenziali per queste zone- ha aggiunto- noi politici non dobbiamo essere ipocriti: quando vediamo gli sbarchi a Lampedusa la prima cosa che ci viene in mente è un senso di solidarietà, quando poi rivediamo queste persone vicino ai nostri cassonetti, ai nostri parchi e nelle nostre città o dentro nelle nostre stazioni si vivono situazioni di rabbia e di attacco. C’è un grande problema nazionale ed europeo. L’Italia e soprattutto Roma non riesce più a fare fronte a questo sistema di accoglienza. Così rischiamo di non accogliere chi arriva e di far vivere i cittadini romani in una situazione insostenibile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»