NEWS:

Kobayashi (Giappone): “Brava Italia, per l’accoglienza e per l’agenda del G7”

Pubblicato:14-06-2024 18:50
Ultimo aggiornamento:05-07-2024 21:52

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

BARI – Complimenti all’Italia “per l’accoglienza e per l’agenda” di Borgo Egnazia, con i temi della precedente presidenza del Giappone del G7 curati e approfonditi, a partire dall’impegno per il “rispetto del diritto internazionale”: è il messaggio affidato all’agenzia Dire da Kobayashi-Terada Maki, direttore generale presso il ministero degli Esteri di Tokyo.

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE ALLA PRESIDENZA DEL FORUM

La responsabile, che cura i rapporti con la stampa e la diplomazia pubblica, mette in evidenza le “continuità” nei temi e nelle scelte tra il 2023 e il 2024. “Non è una sorpresa” sottolinea Kobayashi-Terada: “I primi ministri Fumio Kishida e Giorgia Meloni si sono incontrati quattro volte dal gennaio scorso, anche grazie a una visita del vostro capo di governo in Giappone a febbraio”.

Secondo la direttrice, tra i due Paesi “c’è stato un lavoro di coordinamento per approfondire le discussioni dopo il summit del G7 di Hiroshima“. Kobayashi-Terada sottolinea: “Abbiamo molto apprezzato l’agenda del vertice del G7 pugliese con i dossier sulla sicurezza economica e l’intelligenza artificiale”. Il summit nel resort di Borgo Egnazia è la cornice della firma di un accordo in materia di sicurezza tra il Giappone e l’Ucraina. Secondo Kobayashi-Terada, il sostegno di Tokyo a Kiev di fronte dell’offensiva militare avviata dalla Russia nel 2022 si spiega con il fatto che “è importante rispettare il diritto internazionale”. Nell’intervista si allarga poi lo sguardo, con un riferimento a Taiwan, isola-Stato rivendicata dalla Cina. “Ogni tentativo di cambiare lo status quo con la forza è inammissibile” evidenzia Kobayashi-Terada. “Kishida ha detto che oggi è l’Ucraina ma domani potrebbe essere l’Asia orientale e l’area dell’Indo-Pacifico”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy