NEWS:

G7, dall’Ucraina all’Indo-Pacifico: verso la dichiarazione finale

Questo il profilo della dichiarazione finale del G7, nella previsione di Daniel Okay, giornalista americano

Pubblicato:14-06-2024 12:18
Ultimo aggiornamento:05-07-2024 21:52

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

BARI – I punti chiave riguarderanno l’Ucraina, con la promessa di un impegno “a lungo termine”; in evidenza poi l’uso “umano” ed “equo” dell’intelligenza artificiale e anche un monito alla Cina in chiave di politica economica: questo il profilo della dichiarazione finale del G7, nella previsione di Daniel Okay, giornalista americano. Di base a Washington, il reporter lavora per il gruppo media giapponese Nhk. La sua è una prospettiva globale ma comincia comunque dall’Europa, in particolare dall’Ucraina. “Il conflitto con la Russia è il focus principale di questo summit” sottolinea il cronista. “Credo che i leader del G7 sentano molta pressione, in particolare per mostrare al mondo che l’impegno per Kiev è a lungo termine: nella dichiarazione finale ci si concentrerà su questo, con il riferimento all’impegno per finanziamenti annui da 50 miliardi di dollari”.

Nel documento ci saranno poi riferimenti all’intelligenza artificiale. “Oggi ne parla il Papa e nei mesi scorsi se ne è discusso molto anche negli Stati Uniti” dice Okay. “Washington chiede un uso umano e giusto dell’Ia e nella dichiarazione potrebbe trovare proprio queste parole”. In evidenza anche i nodi dell’Indo-Pacifico, tema di una sessione del vertice in programma oggi, dedicata alla “sicurezza economica” nella regione. “Nella dichiarazione” sottolinea il reporter americano, “sarà citata la Cina, con la sua politica economica e in particolare la super-capacità produttiva di settori come le auto elettriche e i pannelli solari”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy