Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, ieri dodici regioni senza morti. Da oggi 41 milioni di italiani in zona bianca

Le 26 vittime registrate ieri in tutta Italia sono il numero più basso dall'11 ottobre 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dodici regioni senza vittime per Covid: è l’importante traguardo fatto segnare ieri, che si aggiunge all’altro dato positivo dei 26 decessi registrati in tutta Italia, mai così pochi dall’11 ottobre 2020. Dal bollettino quotidiano emesso dalla Protezione civile è emerso come in Lazio, Veneto, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Marche, Liguria, Abruzzo, Umbria, Trentino Alto Adige, Basilicata, Molise e Valle d’Aosta ieri non ci sono state vittime. Per il Lazio, in particolare, è la prima volta nel 2021. E sabato anche l’Emilia Romagna era riuscita a chiudere senza morti per Covid dopo mesi: ieri sono stati invece tre.

LEGGI ANCHE: Covid, 1.390 positivi e 26 vittime. Tasso di positività all’1%

LE NUOVE ZONE BIANCHE

I numeri della pandemia continuano a migliorare e da oggi passano in zona bianca anche Piemonte, Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Puglia e Provincia autonoma di Trento. Per un totale di 41 milioni di italiani che non dovranno più sottostare a coprifuoco e restrizioni. Resta comunque il divieto di assembramenti e l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. Tra sette giorni dovrebbe toccare anche a Toscana, Marche, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano, attualmente in zona gialla ma con numeri positivi per la seconda settimana di fila: se non faranno registrare bruschi peggioramenti, dal 21 giugno anche questi territori passeranno in zona bianca. Lasciando in zona gialla la sola Valle d’Aosta, che dovrebbe tagliare il traguardo lunedì 28 giugno. Ma in ogni caso, da lunedì prossimo in tutta Italia verrà abolito il coprifuoco. E l’Italia potrà vivere con più serenità l’inizio dell’estate.

LEGGI ANCHE: AstraZeneca, Draghi minimizza: “Non mi risulta ci siano incertezze, il piano va avanti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»