Di Battista: “Chiedo congresso M5s, se Conte è il leader si iscriva e partecipi”

Di Battista chiede "il prima possibile" un congresso dei 5 stelle per mettere a confronto le anime del Movimento: "Così vedremo chi vince"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Chiedo il prima possibile un congresso del Movimento 5 stelle in cui tutte le anime del Movimento possano dire la loro per costruire un’agenda politica. Così vedremo chi vince”. Lo ha detto Alessandro Di Battista, ospite di ‘Mezz’ora in più’, intervistato da Lucia Annunziata. I sondaggi su Conte capo del M5s? “Ricordo i sondaggi su Monti, non lo sto paragonando perché non commento la sondaggiocrazia”, però se Conte vuole fare il leader del Movimento “si deve iscrivere al M5s e partecipare al prossimo congresso”.

LEGGI ANCHE: Sondaggio EMG Acqua: il partito di Conte può arrivare al 15%

“MI FIDO DI CONTE MA QUALCUNO VUOLE BUTTARLO GIÙ”

Gli Stati generali? “Non so, vedremo le conclusioni, le condizioni economiche e sociali sono peggiori di quello che vediamo”, dice ancora Di Battista a ‘Mezz’ora in più’. “Io ho fiducia nel presidente del Consiglio, lo critico, non ho problemi a dire la mia ma non voglio far cadere il governo. Ci sono poteri, anche politici, che vogliono buttarlo giù per prendere i denari della ricostruzione“. In questo momento “il governo va sostenuto, io voglio pungolare il M5s e far sì che si rafforzi” perchè “le cose migliori il Movimento le ha fatte nei primi 6 mesi, non grazie alla Lega ma nonostante, adesso vive un momento di debolezza e rischiamo una restaurazione”, conclude.

“IL MES NESSUNO DEL M5S VUOLE ATTIVARLO”

“Io non sto in parlamento, ma tutti gli esponenti del M5s con cui ho parlato mi hanno detto che nessuno vuole attivarlo”, aggiunge Di Battista.

LEGGI ANCHE: Mes, Della Vedova (Più Europa): “Ogni giorno che passa è danno all’Italia”

“A RENZI ANDREBBE VIETATO DI FARE CONFERENZE PAGATE”

“Renzi va in giro a far conferenze per il mondo con i sauditi e altri, è una cosa che andrebbe vietata per legge. Gli ex presidenti del Consiglio non dovrebbero essere pagati per parlare”, di Di Battista intervistato da Lucia Annunziata. “Chi ci garantisce che, durante il mandato, un politico non faccia favori che poi vengono pagati, non con bustarelle, ma con consulenze e conferenze?”, aggiunge.

“CONTRARIO A VENDITA ARMI EGITTO, ITALIA CONTA POCO”

“Il governo ha venduto armi agli egiziani e io sono profondamente contrario. Se Regeni fosse nato a Mosca, Washington, Parigi o Berlino qualche testa sarebbe già saltata”, dice Di Battista durante l’intervista a ‘Mezz’ora in più’.

“FAMIGLIA ELKANN NON PUÒ POSSEDERE 15 GIORNALI”

“La famiglia Elkann che ha preso denari così importanti dallo Stato non dovrebbe possedere 15 giornali, purtroppo la legge sul conflitto interessi è dimenticata”, dice Di Battista intervistato da Lucia Annunziata.

Serve una commissione d’inchiesta per far chiarezza sui quattrini dati a grandi imprese come la Fiat e vedere la correlazione su investimenti, posti di lavoro e delocalizzazioni. Sarebbe un’arma per far abbassare la testa agli Elkann che si comportano come una famiglia reale”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»