Mes, Della Vedova (Più Europa): “Ogni giorno che passa è danno all’Italia”

Pressing su Conte dalle opposizioni: per Della Vedova ogni giorno è un danno per l'Italia, mentre Anna Maria Bernini incalza il premier a sciogliere la riserva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mettiamola così: Di Maio e Crimi per restare al potere voteranno tutto, figuriamoci se non voteranno il Mes. Ogni giorno che passa prima della richiesta del Mes è un danno all’Italia, di cui per primi Pd e Iv, che ancora hanno paura del M5S, portano la responsabilità”. Lo scrive su Twitter il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova.

BERNINI (FI): CONTE SCIOLGA RISERVA SU MES

“Dopo aver scomodato i vertici dell’Unione europea e della Bce per i suoi Stati Generali, Conte dovrebbe almeno chiarire se intende utilizzare o no i fondi del Mes. Anzi: sarebbe opportuno che lo facesse mercoledì in Parlamento. Anche perché non c’è certo bisogno di attendere gli input comunitari per sapere che servono investimenti strategici per migliorare il nostro sistema sanitario, garantire continuità nella prestazione dei servizi di assistenza o sostenere in modo più efficace il lavoro di medici e infermieri”. Lo scrive in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini, che conclude: “Come giustamente sostiene la federazione dei medici ospedalieri, Mes o non Mes, siamo all’ultima chiamata per recuperare il nostro servizio sanitario. Io non cambio idea: il Mes serve eccome”.

LEGGI ANCHE: Conte si appella alle opposizioni: “Dateci una mano con la destra in Ue”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»