Ravasi: “Curare il fisico dei bambini, ma anche la loro dimensione etica”

Questo il senso dell'intervento del cardinale Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo sguardo che si può dare sui bambini è duplice: da una parte questo congresso è legato soprattutto alla questione fisica, in quanto si tratta di un soggetto estremamente interessante perché è sottoposto a una evoluzione veloce”. Questo il senso dell’intervento del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, in occasione del 74esimo Congresso italiano di pediatria organizzato a Roma dalla Sip.

Il bambino non è soltanto in evoluzione fisica ma anche spirituale, sessuale e morale



“Il mio sguardo sarà soprattutto di tipo culturale e spirituale, tenendo conto di due dimensioni: da un lato quella della grandezza del rispetto che si deve avere nei loro confronti”, spiega Ravasi facendo cenno anche alla violenza “brutale che ha toccato purtroppo anche la Chiesa con la pedofilia”. Dall’altra parte “c’è la dimensione culturale, della psicologia evolutiva, della pedagogia infantile: una serie di capitoli interessanti che riguardano la formazione del bambino, il quale non è soltanto in evoluzione fisica ma anche spirituale, sessuale e morale attraverso una sequenza di tappe. Bisogna sempre ricordare- sottolinea però il cardinale- che nessun bambino è innocente: anche lui porta in sé tutti i limiti di una creatura ed è per questo che è importante non solo ‘arredare’ la sua testa di dati e curare il suo fisico, bensì accompagnarlo in questo itinerario di formazione che comprende soprattutto la dimensione etico-morale, e per noi anche quella religiosa- conclude Ravasi- cioè la capacità di vivere insieme alla superficie delle cose insieme alla trascendenza e al mistero, al segreto, di essere uomini e donne”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»