Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calcio, Unicusano ‘lascia’ Fondi: “Troveremo chi può continuare progetto”

Con acquisto Ternana e' stato detto no a possibilita' di avere due societa' pro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ Unicusano lascia la proprietà del Fondi calcio. All’orizzonte c’è l’acquisto della Ternana da parte dell’ateneo, e la Figc ha messo il veto alla possibilità di avere due club iscritti nelle Leghe professionistiche.

Il dottor Stefano Ranucci, direttore generale operativo dell’Università Niccolò Cusano che, per conto dell’ateneo, sta conducendo insieme all’avvocato Danilo Lombardo (dello studio legale Lombardo) la trattativa per l’acquisto della Ternana Calcio, ha infatti spiegato: “Purtroppo ieri sera, dopo una consultazione con i nostri legali e un incontro presso la Figc, abbiamo perso qualsiasi speranza di poter possedere due società di calcio iscritte a leghe professionistiche, in quanto ci è stato posto un divieto assoluto”.

“Un traguardo che abbiamo cercato a ogni costo di raggiungere, visto che ci era stata data l’illusione che questo invece potesse essere possibile- prosegue-. Il nostro cuore in questo momento è nella città di Fondi, ma essendo ormai più che avviata la trattativa con la società della Ternana, abbiamo iniziato una serie di incontri volti a trovare la giusta azienda in grado di rilevare la prestigiosa società della cittadina di Fondi. Una proprietà che possa assicurare continuità ai progetti da noi avviati”.

Leggi anche Sociale, Unicusano-Aipc risalgono a origine relazioni violente /Video

“Questo perché, qualora si completasse il percorso avviato con la famiglia Longarini, l’Unicusano si troverebbe obbligata a cedere la società rossoblù. Rimarrò sempre vicino- ha continuato Ranucci- alla squadra, alla città, al territorio e alla città di Fondi. Sono profondamente dispiaciuto per le mie precedenti dichiarazioni, frutto della passione per la squadra e per l’aver creduto alla possibilità che il percorso a Fondi potesse continuare”.

Dal canto suo, il patron Stefano Bandecchi, raggiunto a Londra, ha accolto la notizia con rammarico, esternando profonda rabbia. In ogni caso, ha ribadito Bandecchi, sarà garantita l’iscrizione al campionato di Lega Pro del Fondi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»