NEWS:

VIDEO | Carabinieri malmenati da baby gang, è successo a Vieste

I Carabinieri, intervenuti per una rissa sul lungomare, sono stati malmenati da due ragazzini che avevano partecipato una rissa

Pubblicato:14-05-2024 22:04
Ultimo aggiornamento:14-05-2024 22:04
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – È virale in queste ore un video che arriva da Vieste dove si vedono alcuni militari dei Carabinieri malmenati da alcuni ragazzini. L’episodio è successo giovedì sera, nella sera tra il 10 e l’11 maggio: la pattuglia era intervenuta per sedare una rissa tra ragazzi in un parcheggio sul Lungomare Europa. Nel video si vede un ragazzo dal giubbotto chiaro colpire più volte con pugni (sembra al volto) un militare vicino alla macchina dell’Arma. Poco più in là, un altro carabinieri viene strattonato da un altro giovane con il giubbotto scuro.

In rete, ha suscitato polemica sia l’aggressione ai Carabinieri, sia il fatto che durante il successivo arresto del 21enne ‘picchiatore’ (quello che ha dato i pugni al militare ed è poi finito in manette per violenza a pubblico ufficiale), avvenuto poco dopo, uno dei carabinieri avesse in pugno un taser. Cosa che è stata giudicata eccessiva.

“L’operato dei nostri militari è stato totalmente legittimo, teso unicamente a ripristinare l’ordine e la sicurezza pubblica”, sono state le parole del sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti, che ha esortato a “non cadere in facili giudizi e comprendere la complessità delle situazioni che si trovano a fronteggiare le forze dell’ordine. Vorrei pertanto chiedere a tutta la nostra comunità, di unirci “condannare la violenza” e a “sostenere i nostri carabinieri”. Infine, ha concluso: “È inconcepibile che chi dedica la propria vita alla tutela della sicurezza pubblica venga attaccato in questo modo. Condanno fermamente questo atto a opera di giovani viestani ed esprimo la mia totale solidarietà ai due carabinieri feriti, che hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso e ai quali auguro una pronta guarigione”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it