Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, Moratti: “Impossibile fare la seconda dose in vacanza in un’altra regione”

letizia moratti
L'assessora al Welfare della Lombardia annuncia che le Regioni pensano alla somministrazione della seconda dose solo per i lavoratori che rientrano alla propria residenza per le vacanze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – Non sarà possibile vaccinarsi nei luoghi di vacanza. Lo annuncia in conferenza stampa al Pirellone l’assessora al Welfare della Lombardia, Letizia Moratti, spiegando che nella conferenza Stato-Regioni è emersa questa indicazione: “È impossibile vaccinare nelle diverse regioni perché c’è un aspetto di distribuzione di vaccini, di logistica e di medici. Qui in Lombardia abbiamo cercato di tenere meno vaccinazioni nel periodo ‘clou’, quindi le due settimane di agosto”, spiega la vicepresidente. Le seconde dosi, quindi, devono essere inoculate nella regione in cui si risiede o si lavora. Moratti annuncia, invece, che le Regioni stanno studiando una proposta da presentare al commissario Francesco Figliuolo sulla possibilità di somministrare la seconda dose nella regione di appartenenza ai lavoratori che rientrano alla propria residenza per le vacanze. “In commissione Salute è stato dato alla Lombardia il compito di presentare un progetto che verrà discusso mercoledì per trovare un accordo tra le regioni”, aggiunge la vicepresidente.

LEGGI ANCHE: In Italia la pandemia rallenta. In calo Rt, ricoveri e incidenza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»