Covid, verso un’Italia tutta in zona gialla. In bilico solo la Valle d’Aosta

Oggi la nuova ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da lunedì prossimo tutta l’Italia dovrebbe tornare in zona gialla. Rimane in bilico solo la Valle d’Aosta, che ha numeri da giallo ma potrebbe rimanere in zona arancione ancora una settimana. La decisone finale spetterà all’Istituto superiore di Sanità, dopo un confronto con i rappresentanti della Regione. Intanto il presidente della Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, ha inviato una lettera al ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendo l’inserimento della regione in zona gialla. Alla base della richiesta ci sono “l’indice Rt della Valle d’Aosta, che è sotto la soglia dell’1 da oltre un mese; l’incidenza dei nuovi casi positivi, che è intorno a 150 su 100.000 abitanti e gli indici ospedalieri che sono molto buoni”. Oggi il ministro Speranza, sulla base dei dati del monitoraggio settimanale sull’andamento dell’emergenza Covid, firmerà le ordinanze per i cambiamenti di colore delle regioni, che entreranno in vigore a partire da lunedì prossimo 17 maggio.

LEGGI ANCHE: In Italia la pandemia rallenta. In calo Rt, ricoveri e incidenza

Covid, Toti: “Verso un’estensione a nove mesi del green pass per i vaccinati”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»