Coronavirus, la Sardegna raggiunge l’obiettivo zero contagi

Sull'isola in totale sono stati eseguiti 38.034 test
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – La Sardegna raggiunge l’obiettivo zero contagi. L’aggiornamento di oggi dell’Unità di crisi regionale certifica la casella vuota alla voce casi positivi, fermi a 1.345 dal bollettino di ieri. Sale invece a 125 il numero delle vittime, cinque in più rispetto all’ultimo aggiornamento, ma, specifica l’Unità di crisi, il maggior numero di decessi indicato nel report è dovuto a un riallineamento dei dati tra la piattaforma dell’Istituto superiore di sanità, dove questo dato era già stato conteggiato, e il dato della Protezione civile nazionale. Non si tratta, quindi, di decessi avvenuti nelle ultime 24 ore (4 marzo il più lontano, 2 maggio il più recente).

LEGGI ANCHE: Le Foche: “Improbabile l’aumento dei contagi se i cittadini sono virtuosi, estate sicura”

In totale nell’isola sono stati eseguiti 38.034 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto 86, di cui 10 in terapia intensiva, mentre 379 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 667 pazienti guariti (+19 rispetto al dato precedente), più altri 88 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 1.345 casi positivi complessivamente accertati, 246 sono stati registrati nella Città Metropolitana di Cagliari, 97 nel Sud Sardegna, 58 a Oristano, 78 a Nuoro, 866 a Sassari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»