Migranti, Bellanova: “Saranno più di 200mila, io non mi spavento”

Lo dice la ministra delle Politiche agricole durante una diretta web
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se noi facciamo emergere questo lavoro” di regolarizzazione dei permessi di soggiorno “non saranno costi per l’Italia, saranno entrate per l’Italia perche’ i rapporti di lavoro irregolare privano lo Stato anche della contribuzione, oltre che togliere alle persone li loro diritti e la loro dignita’. Quindi io non mi spaventerei dei numeri: se saranno 500-600 mila saranno i benvenuti, perche’ saranno persone che noi avremo tirato fuori dai ghetti e li avremo portati a vivere nella condizione della legalita’ e del riconoscimento della loro identita’”. Lo dice la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, durante una diretta web via social di Piu’ Europa sul tema “Verso il riscatto del lavoro invisibile” Emma Bonino e Benedetta Della Vedova. 

LEGGI ANCHE: Le lacrime della ministra Bellanova non salveranno il Governo

Ma in termini numerici il Governo ha un’idea di quanto potranno essere le regolarizzazioni tra badanti e lavoratori agricoli, chiede Bonino. La ministra risponde: “Io non ho un quadro preciso” pero’ al ministero dell’Interno “stanno facendo una verifica sui numeri, c’e’ una proiezione di quelli che potrebbero aderire, poi bisogna vedere veramente quante sono quelle che aderiscono. Luciana Lamorgese ha detto che si parla di circa 200 mila, ma sicuramente sono molti di piu’ perche’ da quello che a me arriva dal mondo del volontariato, dal mondo cattolico, dalle associazioni che fanno i conti con le famiglie che vivono questa dimensione, il numero e’ molto alto”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»