Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni europee, la sfida di Kyenge da Bologna: “Nuova resistenza contro il razzismo”

L'ex ministro si è ricandidata per il Parlamento europeo nelle file del Pd nella circoscrizione nordest: sabato 18 maggio sarà in piazza Maggiore a Bologna per lanciare il suo manifesto contro la xenofobia e in difesa dei diritti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una “nuova Resistenza” per combattere “discriminazioni, razzismo, xenofobia e fascismo“. La chiamata viene da Cécile Kyenge, ex ministro, eurodeputata ricandidata nelle file del Pd nella circoscrizione nordest. Kyenge, in vista del 26 maggio, dà appuntamento a simpatizzanti, sostenitori e a tutti coloro che vorranno combattere questa battaglia per sabato pomeriggio in piazza Maggiore, a Bologna, a partire dalle 17.

“Rigurgiti di un clima disumano, che davamo per sconfitti- afferma l’europarlamentare uscente- si diffondono nel paese nutrendosi in modo strumentale della paura che le forze populiste, sovraniste e neofasciste alimentano. La politica migratoria di Salvini, improntata alla cosiddetta ‘sicurezza’ e all’esclusione, colpisce gli immigrati regolarmente soggiornanti così come le loro famiglie e anche le molte famiglie di italiani nativi”.

E così “non passa giorno- prosegue l’ex ministro- che non si senta parlare di episodi di negazione dei diritti fondamentali a bambini nelle scuole, genitori sul lavoro, cittadini e cittadine nelle istituzioni a guida leghista. Ma il peggio è che le politiche salviniane strizzano l’occhio e giustificano l’azione indisturbata di forze xenofobe come Casapound e Forza Nuova che fanno degli ideali fascisti e discriminatori i loro valori di riferimento”.

Di qui l’appello di Kyenge: “Contro questo razzismo strisciante il centrosinistra e le forze politiche progressiste, le realtà antirazziste e la società civile, devono schierarsi senza mezzi termini, e condannare atti e atteggiamenti che finiranno per distruggere la coesione sociale nel nostro paese. Uniamoci in una nuova Resistenza per difendere i valori della nostra Costituzione, rimettere al centro i diritti e la dignità delle persone. All’individualismo che si nutre dell’odio verso l’altro opponiamo la forza della solidarietà perché solo assieme possiamo difendere i valori dell’umanesimo socialista: perché noi Siamo l’Italia, noi Siamo L’Europa!”.


L’appello, “Per una nuova Italia, contro le discriminazioni“, chiama in causa “persone di buona volontà, intellettuali, cittadini e cittadine di ogni livello sociale, per riaffermare i valori della nostra Repubblica democratica”.

“Con forze politiche “xenofobe al governo- si legge nell’appello- il nostro stato si è messo sul modello inutilmente violento, spietato, arrogante, impietoso. Sono questi i residui di un fascismo aberrante, spacciato come merce politica da indignitosi esponenti senza progetto”. Quindi, si legge ancora, “uniamoci contro la retorica distruttiva del populismo perché solo la politica dell’inclusione è il migliore rimedio per difendersi contro discriminazioni, razzismo, sfruttamento, disuguaglianze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»