Industria 4.0 tra incentivi Mise e casi di successo

industria_digitale_gen1
Il 16 maggio convegno al polo innovazione digitale di Cremona
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – C’e’ convenienza nel fare Impresa 4.0? E’ l’interrogativo che si pone nel convegno in programma a Cremona il prossimo mercoledi’ 16 maggio. Nel corso dei lavori, che avranno inizio alle 14 al Polo per l’Innovazione Digitale del capoluogo lombardo, si analizzera’ l’Impresa 4.0 considerando incentivi, investimenti e casi di successo.

L’ evento, organizzato da Microdata Group, azienda cremonese attiva nel settore del document management, dallo Studio Legale e Tributario Fantozzi e Associati in collaborazione con Associazione Industriali Cremona e CRIT Polo per l’Innovazione Digitale, offrira’ una panoramica completa ed una serie di casi di successo su come promuovere e affrontare l’innovazione attraverso gli incentivi previsti dal Piano Nazionale promosso dal Mise.  Il programma prevede un’introduzione di Carolina Cortellini, presidente del CRIT – Polo per l’Innovazione Digitale e Co¡Founder Microdata Group, seguita dagli interventi di Corrado Laforgia, vicepresidente associazione degli Industriali Cremonesi con delega all’Innovazione e di Marco Calabro’, dirigente del ministero dello Sviluppo Economico, che illustrera’ le priorita’ del governo per una nuova strategia di politica industriale.

Gli incentivi fiscali legati a Industria 4.0, in grado di produrre un effetto moltiplicatore dei benefici per la filiera, saranno analizzati dagli avvocati Belli Contarini e Mameli e dal dott. Romanelli dello Studio Legale e Tributario Fantozzi e Associati. È prevista anche l’illustrazione di casi concreti di applicazione industriale. Dopo l’intervento dei relatori, il pubblico potra’ intervenire con domande e riflessioni sul tema del convegno. I lavori saranno condotti da Giovanni Palisto, giornalista di Cremona1.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»