Magliette gialle, Raggi: “Chi sporca pulisce. Vi aspettiamo per i prossimi 20 anni, non solo oggi”

Il sindaco Virginia Raggi è piuttosto freddina sull'iniziativa lanciata dal Pd per pulire Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Da qualche anno a Roma si sono moltiplicati i cittadini che, autonomamente o in forma associata puliscono Roma, le sue strade e i suoi parchi. Questo perché l’amministrazione è obiettivamente un po’ in sofferenza. La situazione dei rifiuti è a tutti nota ma si sta normalizzando”. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, su Facebook.

“In queste ultime ore anche un noto partito, il Pd, quello che è responsabile del malgoverno degli ultimi 20 anni a Roma, ha deciso finalmente di venire a pulire, chiaramente per il noto principio secondo cui ‘chi sporca pulisce’“, sottolinea. “Un po’ tardivo, comunque lo aspettiamo e gli diamo i migliori auguri di benvenuto. Ci auguriamo che non sia uno sterile spot elettorale: per far questo vi aspettiamo non soltanto questa domenica ma per quelle a seguire per i prossimi vent’anni”, conclude.

RENZI A RAGGI: ASSURDO PRENDERSELA SE GENTE DÀ UNA MANO

Tra le magliette gialle che oggi hanno ripulito Roma “c’erano anche molti non del Pd, gente che non ci voterà mai. E’ assurdo prendersela con i cittadini se danno una mano”. Lo dice il segretario del Pd, Matteo Renzi, a ‘L’Arena’ su Raiuno, riferendosi al post di oggi su Facebook della sindaca Virginia Raggi.

LEGGI ANCHE:

Rifiuti Roma, le magliette gialle del Pd puliscono strade e parchi/FOTO

Magliette gialle, Orfini: Raggi ringrazi”, Renzi: “Marchio di fabbrica del nuovo Pd”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»