Dl Sostegni, Giorgetti: “Il calo del fatturato non basta, partite Iva penalizzate”

L'idea del ministro è ragionare "su un acconto basato sul fatturato e chiudere poi a giugno e luglio con una distribuzione più equa" dei sostegni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ristoro calcolato sulla perdita di fatturato “non fa giustizia, non è totalmente equo, ce ne rendiamo conto”. Servirebbe “una sintesi tra fatturato e costi, perchè le partite Iva danneggiate dai costi fissi non sono state abbastanza indennizzate“. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, nel corso del question time alla Camera.

LEGGI ANCHE: Dl sostegni, Landini: “Prorogare stop licenziamenti al 31 ottobre per tutti”

Si potrebbe andare “verso un indicatore di risultato di esercizio, che però sconta un problema: dobbiamo aspettare l’approvazione dei bilanci“. Quindi l’idea di Giorgetti è ragionare “su un acconto basato sul fatturato e chiudere poi a giugno e luglio con una distribuzione più equa” dei sostegni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»