Il sindaco di Ferrara propone un ‘Bike Park’ per smaltire la terra degli scavi

zona Rivana Ferrara
Alan Fabbri lancia su Facebook l'idea di creare un parco per le biciclette utilizzando le montagne di terra in zona Rivana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FERRARA – Un ‘Bike Park’ da realizzare con la terra degli scavi per l’interramento ferroviario. Questa l’idea lanciata su Facebook dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, che intende ‘sondare’ via social, oppure tramite e-mail, all’indirizzo alan.fabbri@comune.fe.it, eventuali proposte o altre idee. Finora, fa sapere il Comune, sono “oltre 20 le mail arrivate, per lo più da parte di giovani che indicano, tra le altre cose, la possibilità di coinvolgere sportivi, nomi noti di settore e professionisti di vario tipo”.

A queste si aggiungono, su Facebook, gli “oltre 2.400 like al post e i quasi 700 commenti, per lo più decisamente a favore della proposta”. L’idea del primo cittadino nasce con l’intento di eliminare le “‘montagne di terra’ in zona Rivana”, che come ricorda Fabbri sono fatte di “materiale di risulta degli scavi per la CirconFe, il progetto di interramento ferroviario che ci permetterà di risolvere l’annoso problema dei passaggi a livello”. Da qui la proposta di “costruire un grande e attrezzato ‘Bike Park’ con tutta quella terra”, parco che, dettaglia Fabbri, “potrebbe disporre di percorsi di allenamento per esperti e per principianti” e magari ospitare anche eventi di alto livello, come “un importante campionato di settore”. Oltre a questo, chiosa il sindaco, un circuito dedicato alle bici potrebbe “sottrarre al degrado un’ importante area della città“.

LEGGI ANCHE: A Ferrara niente Cosap per chi installa un ‘cappotto termico’

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»