Coronavirus, il Mondiale Superbike non farà tappa a Imola: gara annullata

Chi aveva acquistato ticket riceverà voucher per un altro evento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

IMOLA – L’emergenza coronavirus fa saltare la gara del Mondiale Superbike in programma dall’8 al 10 maggio all’Autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’ di Imola. A comunicare la decisione di annullare la gara e’ Formula Imola che spiega di aver fatto questa scelta “difficile e dolorosa” d’accordo con Dorna Wsbk Organization, aggiungendo che entrambe le parti “sono gia’ al lavoro per riportare questo fantastico evento sportivo nel 2021”.

COME AVERE IL RIMBORSO

Per quanto riguarda il rimborso dei biglietti degli eventi annullati per l’emergenza coronavirus, dalla societa’ che gestisce l’Autodromo ricordano che il decreto del 17 marzo “prevede, per l’organizzatore, la possibilita’ di rilasciare ai possessori di un titolo di accesso inerente all’evento un voucher pari all’importo del biglietto, da utilizzare entro un anno dall’emissione”. Ticketone e gli altri circuiti di vendita “sono al lavoro per impostare l’emissione dei voucher, e assieme a loro daremo comunicazione su come usufruire di questa opportunita’ appena possibile”. Tutte le informazioni sono disponibili al link www.ticketone.it/campaign/covid-19.

Ovviamente dispiaciuto per l’annullamento della tappa imolese del Mondiale Gregorio Lavilla, direttore esecutivo Aree Sport e Organizzazione WorldSbk, che spiega come la cancellazione sia stata necessaria in quanto “il calendario, a oggi, prevede molti appuntamenti, e abbiamo anche dovuto considerare le condizioni meteo che potremmo incontrare piu’ avanti nel corso dell’anno”. Gli fa eco il presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense, che pero’ si dice convinto “che sia stata fatta la scelta giusta, per tutelare al massimo la salute di pubblico e addetti ai lavori”, e aggiunge che “con Dwo stiamo gia’ valutando la pianificazione di un round italiano della Superbike nel 2021 e, mi auguro, anche per i successivi tre anni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»