Non solo librai, oggi anche i boscaioli tornano al lavoro

Un terzo della superficie dell'Italia è coperta dai boschi: tenerli puliti è determinante per l’ambiente e la sicurezza dei cittadini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Non solo le librerie. Oggi tornano al lavoro in Italia anche più di 10.000 boscaioli per le attività forestali. E’ di nuovo operativa anche la filiera della manutenzione del verde nelle città per potere le piante ed evitare la caduta di alberi e rami, causata dall’incuria o da temporali. La ripartenza della silvicoltura era fra le richieste avanzate da Coldiretti Emilia-Romagna alla consulta agricola regionale nell’incontro della settimana scorsa.

LEGGI ANCHE: Catalfo: “Nel decreto di aprile bonus di 800 euro e reddito di emergenza”

 

Il lavoro di pulizia nei boschi, sottolinea l’associazione, è determinante per l’ambiente e la sicurezza dei cittadini in un paese come l’Italia, dove più di un terzo della superficie nazionale è coperta da boschi per un totale di 10,9 milioni di ettari. “Un patrimonio che va salvaguardato in un 2020 segnato fino ad ora da caldo e siccità che hanno creato condizioni ambientali particolarmente favorevoli allo scoppio degli incendi e alla diffusione degli insetti. La corretta manutenzione delle foreste aiuta infatti a tenere pulito il bosco e ad evitare il rapido propagarsi delle fiamme”, ricorda Coldiretti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, a fine aprile nel Regno Unito al via test del vaccino su 550 volontari

“L’inserimento delle attività di selvicoltura tra quelle riaperte è dunque rilevante per consentire alle imprese del settore di tornare al lavoro e concludere le operazioni programmate a partire dalla raccolta della legna e dalla prima lavorazione del legno”, aggiunge l’associazione agricola. “Con l’arrivo della primavera e il diffondersi di pollini è importante anche il via libera ai lavori di manutenzione del verde nelle città per cercare di prevenire il dilagare di allergie con l’entrata nel vivo delle fioriture”, fa notare Coldiretti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»