Fine delle complicazioni, arriva formattazione facile per testo WhatsApp

Il nuovo sistema è già testabile nella sua versione beta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

formattazione facile per testo WhatsAppROMA – Neanche il tempo di abituarsi a formattare il testo su WhatsApp, grazie a codici e codicilli da usare, che la società ha rilasciato, al momento solo nella versione beta, nuovi strumenti per la formattazione facile.

Arriva formattazione facile per testo WhatsApp

Corsivo, barrato, grassetto. Il testo scritto su WhatsApp assomiglierà sempre più a quello creato grazie a un foglio “Word”. Non ci sarà più bisogno, però, di anteporre alle parole codici prestabiliti, basterà scrivere, evidenziare e scegliere la formattazione desiderata. La formattazione non è ancora disponibile se non nella sua versione beta per Android. Tutti però possono già utilizzarla diventando dei “tester” del servizio.

Formattazione facile per WhatsApp, come si diventa tester

Per provare i nuovi strumenti di WhatsApp, o meglio per testarli, basta andare sul giusto indirizzo di Google Play, questo. Il sistema, in automatico, restituirà un messaggio di accettazione. Da questo momento si diventa ufficialmente un “tester”. Il passo successivo è recarsi nuovamente sullo store di Google e aggiornare l’app di messaggistica. Ora WhatsApp è abilitato alla nuova formattazione. Basta, a questo punto, scrivere un qualsiasi testo ed evidenziarlo. A questo punto apparirà una barra degli strumenti dove poter scegliere l’opzione desiderata. Il gioco è fatto, la formattazione è servita e addio ai codici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»