Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fisco, Bernaudo (Sos partita Iva): “Servono tre riforme subito”

"Sono 25 anni che si parla di 'flat tax' e intanto hanno ucciso la creatività imprenditoriale degli italiani "
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Puntiamo ad una riforma del sistema fiscale italiano che distingua tra contribuenti produttivi, che rischiano senza alcun paracadute, cioè lavoratori autonomi/partite Iva, ditte individuali, micro imprenditori e imprese e contribuenti da lavoro dipendente”. Così il leader di Sos partita Iva, Andrea Bernaudo, intervenuto al dibattito organizzato dal Tribunale Dreyfus e presieduto dal direttore de L’Opinione, Arturo Diaconale, presso l’evento svoltosi a Roma dal titolo ‘Il Salone della Giustizia’. “I produttori italiani– ha spiegato- vanno unificati in un’unica grande area a cui va attribuita una ‘corporate tax’ (intorno al 15,20%) proporzionale e non progressiva in linea con i paesi che corrono.

Parlare di ‘flat tax’ in modo generalizzato è fuorviante ed illusorio, forse buono per raccogliere voti, per noi è solo un film già visto, sono 25 anni che si parla di ‘flat tax’ e invece hanno ucciso la creatività imprenditoriale degli italiani a suon di tasse e contributi. Ora basta prese in giro! A questa riforma se ne legano almeno altre 2: quella previdenziale, eliminando per tutti i lavoratori autonomi/partite Iva il contributo obbligatorio all’Inps, stabilendo la libertà di scelta del contribuente produttivo, in alternativa, tra previdenza pubblica e privata, aprendo quindi a sistemi di accumulo a capitalizzazione; ma è necessaria anche la riforma del sistema tributario, per restituire al contribuente italiano la presunzione di innocenza ed eliminando l’inversione dell’onere della prova a suo carico e la riscossione forzata in pendenza di giudizio. Va aperto anche il capitolo lavoro per dimezzare il cuneo fiscale in modo strutturale e non con provvedimenti spot”. “Sos partita Iva- ha concluso Bernaudo- apre il dialogo solo con le forze politiche che siano disponibili a sedersi con noi per discutere queste proposte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»