Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bufale in rete, Boldrini: “Gli sciacalli non si fermano neanche davanti ai morti”

Sui social stanno girando false accuse che tirano in ballo "Luciana Boldrini" a proposito di cooperative che si occupano di migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo voglio dire a ridosso delle feste di Pasqua, proprio nel momento in cui molti si riuniscono in famiglia e con le persone care. La mia unica sorella, morta anni fa per malattia, non si è mai occupata di migranti. Restaurava e dipingeva affreschi. Peraltro, non si chiamava nemmeno Luciana, ma Lucia. Lo voglio dire a tutti quelli che hanno condiviso sulle loro bacheche e sui loro profili queste e altre menzogne su di lei. E soprattutto a chi ha creato queste false notizie, personaggi senza scrupoli, sciacalli che non si fermano nemmeno davanti ai morti”. Cosi’ la presidente della Camera Laura Boldrini, su facebook. Nella foto qui sotto un esempio delle bufale pubblicate sul web.


FINOCCHIARO: PROVO VERGOGNA PER SCIACALLI CHE L’ATTACCANO

“Provo vergogna per sciacalli che non rispettano nemmeno chi non c’è più. La mia solidarietà e un forte abbraccio a @lauraboldrini”. Così Anna Finocchiaro, ministra per i rapporti con il Parlamento, sul suo account Twitter commenta gli attacchi web alla Presidente della Camera.

BOSCHI: INSULTANO ANCHE SORELLA MORTA, UN ABBRACCIO

“Vergogna: sui social insultano persino sua sorella, morta anni fa. Un abbraccio affettuoso a Laura Boldrini”. Lo scrive la sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi su twitter. Il tweet e’ stato rilanciato anche dall’ex premier Matteo Renzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»