Trasporti, ass. Musmanno: “Servono nuovi treni tra Reggio e Taranto”

REGGIO CALABRIA - L’Assessore regionale alle Infrastrutture della Regione Calabria, Roberto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

treniREGGIO CALABRIA – L’Assessore regionale alle Infrastrutture della Regione Calabria, Roberto Musmanno, ha scritto al Dirigente Generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Antonio Parente, per chiedere di inserire una ulteriore coppia di collegamenti lungo la linea ionica fra Reggio Calabria e Taranto, con prosecuzione fino a Bari in coincidenza con altri servizi lungo la dorsale adriatica.

   “Il territorio ionico calabrese – scrive Musmanno – rappresenta un bacino di utenza di circa un milione di abitanti, con numerosi e diffusi insediamenti turistici, ma non è servito né dalla rete autostradale, né da collegamenti ferroviari a libero mercato. A oggi l’unico collegamento ferroviario che garantisce la continuità territoriale è una coppia di Intercity (Reggio Calabria – Taranto 11.55 – 19.07; Taranto – Reggio Calabria 8.20 – 15.30). Il servizio realizzato è peraltro di livello molto mediocre, a causa della scarsa qualità del materiale rotabile utilizzato e dell’insufficiente livello manutentivo dell’infrastruttura”.
   Per queste ragioni, quindi, diventa urgente, per l’Assessore Musmanno “inserire la nuova coppia di treni nel prossimo orario ferroviario. Inoltre, sia per il servizio esistente sia per servizio da istituire, è necessario che sia utilizzato – scrive l’assessore alle Infrastrutture – materiale rotabile adeguato in termini di comfort e prestazioni in modo da offrire un servizio che possa essere appetibile per l’utenza”. Infine, nella lettera si chiede che la tariffa sia adeguata a quella applicata per i servizi regionali, in modo tale che la doppia coppia dei collegamenti Intercity possa essere utilizzata anche per il bacino dei pendolari della fascia ionica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»