Caporalato, Emiliano: “Reato odioso, occorre normativa adeguata”

BARI - "Esprimo le mie congratulazioni alla Procura della Repubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

caporalatoBARI – “Esprimo le mie congratulazioni alla Procura della Repubblica di Brindisi, al Comando Provinciale dei Carabinieri di Brindisi ed alla Compagnia dei Carabinieri di Francavilla Fontana per l’operazione che ha portato all’arresto di due persone per concorso in intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro pluriaggravati. Il caporalato, che spesso si associa alla riduzione in schiavitù di migranti, è un reato odioso sul quale tutte le istituzioni devono mostrare tolleranza zero”. Lo ha dichiarato il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, in merito agli arresti di Francavilla Fontana.

   “Auspicavamo- aggiunge Emiliano- che il disegno di legge sulla lotta allo sfruttamento del lavoro venisse approvato in questi primi mesi del 2016 così da poter dare strumenti più efficaci nelle indagini e nel contrasto. Purtroppo non è andata così e quindi dovremo provare a concentrare gli sforzi gestendo il coordinamento interistituzionale, con i sindacati e con le organizzazioni datoriali in modo più serrato. Combattere il caporalato è arduo, come era difficile lottare contro il contrabbando di sigarette, per questo solo attraverso una normativa adeguata, i controlli, le denunce, le indagini ed una forte coscienza sociale e politica possiamo pensare di arginare una dinamica criminale che getta ombre sulle nostre produzioni agricole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»