Lucia Annibali da oggi diventa cittadina onoraria di Parma

La giovane avvocatessa sfregiata con l'acido è stata in cura al Centro grandi ustionati della città emiliana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
L. Annibali
L. Annibali

ROMA – Da oggi Lucia Annibali è cittadina onoraria di Parma. Lo ha deciso il Consiglio Comunale su proposta del Presidente Marco Vagnozzi “per la sua forte ed autentica testimonianza di una grande dignità personale e sociale che si riconferma di fronte alle offese, per il coraggio, la determinazione, la dignità con cui ha reagito alle gravi conseguenze fisiche dell’ignobile aggressione subita”.

La giovane avvocatessa marchigiana venne sfregiata con l’acido nell’aprile 2013 da due uomini mandati dall’ex fidanzato. Successivamente è stata in cura presso il centro grandi ustionati di Parma.

“In questi due anni di assidua frequentazione della nostra città, Lucia si è già sentita un po’ parmigiana”, dicono dal Comune. “Con il volto sofferente deturpato dall’acido, ha condotto la sua battaglia pubblicamente, con coraggio e determinazione, ed è divenuta un simbolo delle donne che si ribellano contro ogni tipo di violenza e sopraffazione, tanto da essere nominata Cavaliere della Repubblica nella Giornata internazionale  contro la violenza sulle donne”, ricordano.

La cerimonia si svolgerà  attorno alle ore 16 nell’aula consiliare, in seduta pubblica, subito dopo che il Consiglio comunale avrà formalmente approvato l’atto di conferimento proposto dal presidente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»